“Dobbiamo debellare il femminismo per salvare la famiglia”

Intervista ad una delle donne sopravvissute al blitz con il quale le femministe si sono impadronite dei centri anti-violenza riducendoli a centri di odio contro gli uomini e contro la famiglia.

«Sono totalmente d’accordo con Erin Pizzey: il femminismo sta distruggendo la famiglia.

Ero con Erin (che ha aperto il primo centro anti-violenza) quando venimmo attaccate dalle femministe.  Fummo colpite da una banda urlante con capelli rasati che aveva totalmente dimenticato la propria femminilità.  Fu spaventoso.

Vidi quello che scrissero sui muri: “uomini non saprete più quale sarà il vostro ruolo nella famiglia”.  Ora – molti anni dopo – il femminismo è diventato realtà.  Gli uomini non sanno più quale ruolo hanno, specialmente all’interno della famiglia.  La situazione è così degradata che alcuni rifugi rifiutano i bambini maschi, e le bambine crescono credendo che tutti gli uomini sono cattivi.

L’effetto a catena ha distrutto la vita familiare, fatta di amore e di ruoli.  Gli uomini si trovano davanti donnacce bolsceviche che rifiutano di cucinare, pulire, contribuire in qualunque modo alla vita familiare.

Tutto quello che vedo nelle femministe è la malvagità — prima viene fermato e meglio è.  Torniamo all’amore, alla donna gentile, carina, che è orgogliosa di essere donna.

Dianne Core, York»

Ed in effetti le femministe stesse hanno esplicitato le loro vere intenzioni:

«La famiglia nucleare dev’essere distrutta… qualunque sia il significato finale, lo sfascio delle famiglie è adesso un processo obiettivamente rivoluzionario». Linda Gordon

«Dal momento che il matrimonio costituisce una schiavitù per le donne, è chiaro che il Movimento delle Donne debba concentrarsi per attaccare questa istituzione. La libertà per le donne non potrà essere acquisita finché il matrimonio non verrà abolito». Sheila Cronan

«Non si dovrebbe permettere a nessuna donna di stare a casa ed accudire i suoi bambini. Le donne non devono avere questa possibilità, perché altrimenti troppe donne la sceglierebbero». Simone de Beauvoir

«Essere una casalinga è una professione illegittima. La scelta di servire ed essere protetta, e di pianificare una vita familiare è una scelta che non dovrebbe esistere. Il cuore del femminismo radicale è di cambiare tutto ciò». Vivian Gornick.

«Non possiamo distruggere le iniquità fra gli uomini e le donne finché non distruggeremo il matrimonio». Robin Morgan (Sisterhood Is Powerful).

«Il matrimonio è da sempre esistito per il beneficio degli uomini; ed è stato un metodo legalmente sanzionato per controllare le donne… Dobbiamo distruggerlo. La fine dell’istituzione del matrimonio è una condizione necessaria per la liberazione delle donne. È per noi quindi importante incoraggiare le donne a lasciare i loro mariti e non vivere da sole con gli uomini… Tutta la storia dovrà essere riscritta in termini di oppressione delle donne» dalla “Dichiarazione di Femminismo”.

«Affinché i bambini vengano cresciuti con parità, dobbiamo portarli via dalle famiglie e crescerli in comuni appositi». Mary Jo Bane.

«La cosa più misericordiosa che una famiglia numerosa possa fare ad uno dei suoi bambini più piccoli è ucciderlo». Margaret Sanger, in “Donne la nuova razza”, pag. 67.

«Sotto il patriarcato ogni donna è una vittima, del passato, del presente e del futuro. Sotto il patriarcato, la figlia di ogni donna è una vittima, del passato, del presente e del futuro. Sotto il patriarcato il figlio di ogni donna è il suo potenziale traditore e anche l’inevitabile stupratore o violentatore di un’altra donna». Andrea Dworkin

«Qualsiasi rapporto sessuale, anche il sesso consensuale all’interno del matrimonio, è un atto di violenza perpetrato contro una donna». Catherine MacKinnon

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>